|||

Gli X-Files quando ancora non erano X-Files

Author: Anders Ge.

Il Giornalino è sempre stato una fucina di idee, che si concretizzavano in bei fumetti, spesso anticipatori di successi futuri. Agente Allen è uno di questi e finalmente un volume ne ripropone le storie.

Agente Allen (banner)


Il migliore agente della Strange, una particolare sezione del Servizio Segreto inglese, ha lasciato il suo incarico per aprire un ristorante ad Inverness, in Scozia, dal nome l’Elfo Rosso dove può dare sfogo alla sua passione culinaria facendo lo chef, coadiuvato ai fornelli dalla signora Keefy. Spesso ritorna a vestire i panni della sua vecchia attività su richiesta di Sir W, il suo vecchio comandante, che ne richiede i servigi e l’esperienza per aiutarlo a risolvere i casi più misteriosi ed incredibili, che coinvolgono un vasto campionario di stranezze” e misteri. Incarichi che accetta sempre di buon grado, in cambio di compensi (molto) generosi. Così, dopo aver provveduto a contattare e coinvolgere anche il suo fidato amico Burke o’ Burke, irlandese genuino sempre pronto ad una bella scazzottata, l’avventura ha inizio.

Lui è Philip Allen. L’Agente Allen.

Agente Allen

Pubblicato tra il 1983 ed il 1986 sulle pagine di quella grande fabbrica” di autori che, tra gli anni Settanta ed Ottanta, è stato Il Giornalino delle Edizioni San Paolo, Agente Allen, serie scritta da Tiziano Sclavi su disegni di Mario Rossi, viene ora riproposta integralmente in un bel volume cartonato di 240 pagine, edito da SaldaPress. Le avventure del nostro cuoco cominciano immancabilmente con una telefonata della Strange al suo ristorante per proporgli un nuovo incarico (e la giusta ricompensa), che lo vedrà impegnato in indagini molto particolari dove si ritroverà ad avere a che fare con alieni, morti tornati in vita, fantasmi e molto altro — basti pensare che avremo modo d’incontrare anche dei dinosauri. A fare compagnia all’ex agente dei servizi troveremo anche l’amico Burke o’ Burke che, verrà reclutato” dal protagonista con una telefonata al suo pub preferito ed alla quale l’irlandese risponderà con la solita frase Philip!? Che ci fai da queste parti?, indipendentemente dal fatto che Allen lo stia chiamando dai luoghi più remoti e dispersi del mondo. I due si completano a vicenda, così se Allen è astuto ed intelligente, Burke è rissoso e vigoroso — anche se non rinuncia mai a vestirsi in modo ineccepibile, ovunque lo portino le avventure. Tra viaggi in giro per il mondo che condurranno i due nei luoghi più affascinanti e nei più rinomati ristoranti, con personaggi di ogni tipo, le avventure di Philip Allen saranno sempre un vortice di situazioni incredibili. La particolare brevità delle storie, che sono tutte autoconclusive e non superano le dieci pagine - come da tradizione del settimanale per ragazzi -, caratterizzano una narrazione dal ritmo agile e particolarmente dinamico. Umorismo, mistero e azione, si mescolano in un cocktail effervescente di situazioni surreali che divertono ed avvincono anche grazie ad una messa in scena che, nonostante la brevità, riesce ad essere ben strutturata e per nulla sbrigativa.

Agente Allen

Caratteristica della serie è l’assenza della violenza. O meglio, questa viene mostrata all’interno delle storie, dove non mancano i cari estinti, sia chiaro, ma non vedremo mai l’evento, celato tramite escamotage messi in atto dagli autori. In fondo, bisogna ricordare che la serie è stata ideata per essere pubblicata sul settimanale Il Giornalino, edito dalla cattolica Edizioni San Paolo e destinato ad un pubblico di giovani e giovanissimi.
I testi e le storie scritte da Tiziano Sclavi hanno l’ironia e la passione per l’inspiegabile ed il mistero tipiche dello scrittore di Broni e si possono già riconoscere quei temi e quelle situazioni a lui care, che verranno successivamente sviluppati ed esplorate più ampiamente con Dylan Dog. Sono molteplici i punti comune tra i due personaggi: l’ambientazione inglese; una spalla divertente, sopra le righe e sempre pronta alle battute (Groucho per l’indagatore dell’incubo e Burke per Allen); entrambi in precedenza membri di una forza dell’ordine (Polizia per Dog e Servizi Segreti per Allen); un ex capo con il quale continuano a collaborare (l’ispettore Bloch e Sir W); una forte passione personale per qualcosa estraneo alla loro precedente/attuale attività (il clarinetto e la cucina). Agente Allen sembra essere una prova generale” per il ben più famoso Dylan Dog, che l’autore creerà per Bonelli e che comincerà la sua avventura editoriale nel 1986, subito dopo la chiusura della serie edita da Il Giornalino.
I disegni sono invece del bravissimo Mario Rossi, che lavorerà anche lui su molte testate Bonelli. Ricchi di particolari e finezze che impreziosiscono la rappresentazione sempre precisa degli ambienti e dei personaggi delle storie, il tratto pulito e molto ben delineato, dall’impostazione delle tavole classica, è messo ben in evidenza dall’ottima qualità di questa edizione.

Agente Allen

Con questo bel volume dedicato ad Agente Allen di Tiziano Sclavi e Mario Rossi, che ne ripropone in bianco e nero tutte le storie apparse su Il Giornalino tra il 1983 ed il 1986, SaldaPress recupera un personaggio che non può non trovare un posto — possibilmente in prima fila - sugli scaffali delle librerie, tanto degli amanti del papà” di Dylan Dog come di quelli dei comics, sia italiani che internazionali. Come nella tradizione dello storico settimanale per ragazzi su cui veniva pubblicato, è un fumetto che in una manciata di pagine riesce a narrare incredibili avventure, e allo stesso tempo far appassionare i lettori, senza la necessità di allungare inutilmente trame, dialoghi e situazioni. Senza per questo rinunciare alla qualità. Il volume è l’occasione per scoprire, o riscoprire, un bel fumetto, un personaggio che in un certo qual modo rappresenta l’anticipazione del successivo personaggio ideato da **Sclavi, il famoso indagatore dell’incubo
Auguriamoci che l’editore bolognese — o altri - continui con l’opera di recupero di questi fumetti, spesso ingiustamente (e francamente anche inspiegabilmente) dimenticati, che meritano invece di essere ricordati, letti e riletti. Sia per quello che hanno rappresentato per la
Nona Arte* del nostro paese, ma anche e soprattutto perché si tratta di fumetti belli.
Fumetti che non hanno età.

Da leggere assolutamente

Agente Allen


Agente Allen (cover)

Agente Allen

testi: Tiziano Sclavi
disegni: Mario Rossi

SaldaPress
240 pagine
cartonato
b/n
2017


Up next Morto Stalin se ne fa un altro. L’assurdità del potere. Lost on the Road to Eternity. Felici di esserci persi.
Latest posts La mort de Spirou. Addio o arrivederci? Rick and Morty. Follia a 200 chilometri orari. …e la terra prese fuoco. Caldo torrido con fine del mondo! Miracleman. Storia di un fumetto come non ce ne sono altri. Café Zombo. Topolino e gli Stati Uniti della grande depressione secondo Loisel. Hedra. Non ci sono suoni nello spazio. The Sandman (Audible) - Atto I e II. Un capolavoro da ascoltare. The Marvel Age of Comics 1961-1978. Quando la Casa delle Idee era anche la Casa delle Meraviglie. I Puffi neri. Peyo razzismo e GNAP! GNAP! Paranoid. I Black Sabbath segnano il rock per sempre. Gemma Bovary. Letteratura e fumetto. The SMiLE Sessions. Un sorriso atteso per 44 anni. IPSE DIXIT — Cesare Pavese McCartney III. Ad ogni trauma il suo disco. IPSE DIXIT — Edward R. Murrow Edizione Straordinaria. La storia e la memoria. Belfagor (romanzo). Da quasi cento anni il male. La Bête. Il Marsupilami che non conoscete. Gatti. Breve (ed imperfetta) storia della diffusione nel mondo dei dominatori dell’umanità. Le Dernier Atlas (Tome 1 e 2). Ucronia di valore Sega. Una breve storia. Parte prima gli inizi (1940-1985). New Cherbourg Stories (Tome 1) - Le Monstre de Querqueville. Intrighi e misteri fanta-retro. We Are One. Riff, metal, orcestra… UDO. Smoke on the Water. E la stupidità generò il mito. Sentient. Orfani soli nello spazio. The Complex. Le scelte e le conseguenze. IPSE DIXIT — David Cronenberg The End Doctor Strange. L’ultimo incantesimo. IPSE DIXIT — Virginia Woolf Venom The End. La vita l’universo e il simbionte. Miles Morales The End. Ultima storia di un ragno.