|||

IPSE DIXIT — The Sandman

Sandman


Siete mai stati innamorati? Orribile, non è vero? Ti rende così vulnerabile. Ti apre il petto, e il cuore, e significa che qualcuno può entrare dentro di te e scombussolarti. Ti crei tutte quelle difese. Ti crei un’intera corazza, per anni, cosicché nessuno possa ferirti, e poi un idiota, non molto diverso da qualsiasi altro idiota, se ne va a spasso nella tua stupida vita. Dai loro un pezzetto di te. Loro non te l’avevano chiesto. Un giorno fanno qualcosa di stupido, come baciarti, o sorriderti, e da quel momento la tua vita non è più tua. L’amore si prende degli ostaggi. Entra dentro di te. Ti divora e ti lascia a piangere nell’oscurità, così facilmente che una frase come”Forse dovremmo essere solo amici” o Davvero perspicace” diventa una scheggia di vetro che si fa strada nel tuo cuore. Fa male. Non solo nell’immaginazione. Non solo nella mente. È una ferita dell’anima, una ferita del corpo, un vero e proprio dolore che entra dentro di te e ti fa a pezzi. Niente dovrebbe essere in grado di fare una cosa simile. Soprattutto l’amore. Io odio l’amore.”

The Sandman
(“Sandman: Le eumenidi”,
Vol.IX, #57-69, Vertigo Jam #01)
Neil Gaiman & AA.VV


Have you ever been in love? Horrible isn’t it? It makes you so vulnerable. It opens your chest and it opens up your heart and it means that someone can get inside you and mess you up. You build up all these defenses, you build up a whole suit of armor, so that nothing can hurt you, then one stupid person, no different from any other stupid person, wanders into your stupid life…You give them a piece of you. They didn’t ask for it. They did something dumb one day, like kiss you or smile at you, and then your life isn’t your own anymore. Love takes hostages. It gets inside you. It eats you out and leaves you crying in the darkness, so simple a phrase like maybe we should be just friends’ turns into a glass splinter working its way into your heart. It hurts. Not just in the imagination. Not just in the mind. It’s a soul-hurt, a real gets-inside-you-and-rips-you-apart pain. I hate love.”

The Sandman
(“The Sandman: The Kindly Ones”,
Vol.IX, #57-69, Vertigo Jam #01)
Neil Gaiman & AA.VV



Up next Clue Candlestick #03 (di 3). E il colpevole è… The Call of Cthulhu. Lovecraft e il richiamo della paura.
Latest posts La mort de Spirou. Addio o arrivederci? Rick and Morty. Follia a 200 chilometri orari. …e la terra prese fuoco. Caldo torrido con fine del mondo! Miracleman. Storia di un fumetto come non ce ne sono altri. Café Zombo. Topolino e gli Stati Uniti della grande depressione secondo Loisel. Hedra. Non ci sono suoni nello spazio. The Sandman (Audible) - Atto I e II. Un capolavoro da ascoltare. The Marvel Age of Comics 1961-1978. Quando la Casa delle Idee era anche la Casa delle Meraviglie. I Puffi neri. Peyo razzismo e GNAP! GNAP! Paranoid. I Black Sabbath segnano il rock per sempre. Gemma Bovary. Letteratura e fumetto. The SMiLE Sessions. Un sorriso atteso per 44 anni. IPSE DIXIT — Cesare Pavese McCartney III. Ad ogni trauma il suo disco. IPSE DIXIT — Edward R. Murrow Edizione Straordinaria. La storia e la memoria. Belfagor (romanzo). Da quasi cento anni il male. La Bête. Il Marsupilami che non conoscete. Gatti. Breve (ed imperfetta) storia della diffusione nel mondo dei dominatori dell’umanità. Le Dernier Atlas (Tome 1 e 2). Ucronia di valore Sega. Una breve storia. Parte prima gli inizi (1940-1985). New Cherbourg Stories (Tome 1) - Le Monstre de Querqueville. Intrighi e misteri fanta-retro. We Are One. Riff, metal, orcestra… UDO. Smoke on the Water. E la stupidità generò il mito. Sentient. Orfani soli nello spazio. The Complex. Le scelte e le conseguenze. IPSE DIXIT — David Cronenberg The End Doctor Strange. L’ultimo incantesimo. IPSE DIXIT — Virginia Woolf Venom The End. La vita l’universo e il simbionte. Miles Morales The End. Ultima storia di un ragno.